Questa che sta per arrivare sarà la 45a stagione invernale per il Dolomiti Superski. Il 30 novembre 2018 inizierà la stagione sciistica di alcune località di questo comprensorio, che si riconferma uno dei più grandi al mondo.

Un comprensorio che quest'anno ha investito 90 milioni di Euro in nuovi impianti di risalita, piste, impianti di innevamento e attrazioni in quota. Andiamo a scoprire nel dettaglio in quali stazioni sciistiche del Dolomiti Superski troveremo le principali novità per l'inverno 2018/19.

 

✓ Impianti di risalita nuovi: comfort & sicurezza

Nel campo degli impianti di risalita, negli ultimi anni nel Dolomiti Superski si è consolidato il trend della sostituzione di impianti vecchi e obsoleti, con impianti nuovi, senza tendenze espansive, per ottimizzare collegamenti e garantire maggior confort e sicurezza all’utente. In questo senso sono da interpretare anche le maggiori novità per la prossima stagione invernale. In Alta Badia la seggiovia biposto "Roby" viene sostituita da una nuova seggiovia a 6 posti automatica, mentre sia all’Alpe di Siusi, che a 3 Cime Dolomiti, le seggiovie biposto "Mezdì" e "Mittelstation" verranno rimpiazzate da due impianti nuovi esaposto automatici omonimi. A San Martino di Castrozza una seggiovia triposto e una quadriposto lasceranno spazio alla nuova cabinovia a 10 posti "Colbricon Express". La stessa sorte tocca agli impianti Sergerwiese e Breiteben del Gitschberg, dove sorgerà la nuova cabinovia a 10 posti "Ski Express". In numerose altre zone sciistiche di Dolomiti Superski sono stati rinnovati o riqualificati impianti o sono state sostituite le cabine. Gli sciatori si accorgeranno sicuramente di molte delle novità elencate, ad inizio stagione.



✓ Piste nuove per tutti i livelli

A Cortina d’Ampezzo è stata realizzata la nuova pista "Panoramica Druscié", mentre a Pozza di Fassa, la pista da gara "Aloch" viene trasformata in una pista da gara per slalom gigante. Nella zona sciistica 3 Cime Dolomiti nasce la nuova pista "Signaue II", mentre all’Alpe Cermis in Val di Fiemme, sarà la nuova pista "Busabella" ad accogliere gli sciatori ad inizio stagione. Ed infine, nella zona sciistica di Gitschberg-Jochtal, la nuova pista "Wastl Huber" affiancherà la nuova cabinovia "Ski Express". In tutte le altre zone sciistiche di Dolomiti Superski si realizzano o completano lavori di restyling, lieve ampliamento ed adattamento di numerose piste da sci già esistenti, completando la il lungo elenco di progetti in vista della nuova stagione invernale 2018-19.



✓ Neve garantita

Quasi un terzo degli investimenti totali effettuati dalle società consorziate di Dolomiti Superski in vista della stagione invernale 2018-19 riguarda l’innevamento programmato. Oltre 25 milioni di Euro sono stati dedicati ai sistemi di innevamento, che consistono in generatori di neve, reti di tubature, torri di refrigerazione, sistema di pompe e bacini di raccolta idrica. La tecnologia è in continuo sviluppo e contribuisce notevolmente all’impegno razionale delle risorse, che sono e rimangono solo ed esclusivamente acqua pura di fonte, aria compressa ed energia elettrica. La garanzia neve, oltre ad essere una delle richieste di maggior importanza da parte degli sciatori, è uno dei principi fondamentali nel Dolomiti Superski, dove da decenni si investe in questo senso, volendo garantire un altissimo standard di qualità del servizio, nonché l'affidabilità di far trovare agli ospiti le piste da sci pronte per l’inizio della stagione invernale a fine novembre.


 

✓  Attrazioni in quota

Accanto agli investimenti prettamente in chiave sci, gli impiantisti finanziano anche sempre più spesso altre infrastrutture, che incentivano l’utilizzo degli impianti di risalita durante tutto l’anno. Anche per il prossimo inverno sono in previsione alcuni di questi progetti, come per esempio il museo internazionale della fotografia di montagna "LUMEN" con ristorante gourmet integrato a Plan de Corones e il nuovo rifugio "Busabella" all’Alpe Cermis in Val di Fiemme. In aggiunta, continua lo sviluppo della copertura WiFi di diverse cabinovie, stazioni e aree dedicate, nonché la sostituzione dei tornelli agli impianti con i modelli più moderni disponibili, concludendo così questo impegnativo progetto biennale.

 


► CORTINA D‘AMPEZZO
Tofana: revisione generale seggiovia „Gilardon-Roncato“;
Adattamenti vari sulle piste dei Mondiali di Cortina 2021 e nuova pista “Panorama Druscié”.

► PLAN DE CORONES
Valdaora: restyling della seggiovia “Arndt”;
San Vigilio di Marebbe: nuove cabine da 12 posti per la cabinovia “Transbronta”;
Brunico: nuovo museo della fotografia alpina “LUMEN” con ristorante ALPINN (chef stellato Norbert Niederkofler) e sala conferenze da 200
persone.

► ALTA BADIA
Corvara: nuova seggiovia a 6 posti “Roby”;
San Leonardo: variante facile alla pista “Santa Croce”;
Colfosco: sottopasso della pista “Frara”.

► VAL GARDENA/ALPE DI SIUSI
Alpe di Siusi: nuova seggiovia a 6 posti “Mezdì”;
Val Gardena: ampliamento della pista “Charly” e ampliamento della pista Colraiser.

► VAL DI FASSA/CAREZZA
Vigo di Fassa: nuova seggiovia a 4 posti “Pian Pecei-Ciampedie”;
Pozza di Fassa: revisione generale seggiovia “Aloch” e adattamento pista da gara;
Carezza: bacino d’innevamento “Paolina” da 40.000 m3.

► ARABBA/MARMOLADA
Marmolada: WiFi libero in tutte le cabine delle funivie della Marmolada.

► 3 CIME DOLOMITI
Versciaco: nuova seggiovia a 6 posti “Mittelstation” a Monte Elmo e revisione cabinovia Monte Elmo;
Sesto: nuova pista “Signaue II”;
Croda Rossa: bacino per l’innevamento “Croda Rossa” da 95.000 m3.

► VAL DI FIEMME/OBEREGGEN
Alpe Cermis: nuova pista “Busarella” e nuovo rifugio omonimo;
Bellamonte: ampliamento pista “Castelir”;
Predazzo: inizio lavori bacino per l’innevamento da 60.000 m3.

► SAN MARTINO DI CASTROZZA/PASSO ROLLE
San Martino /Ces Nuova cabinovia da 10 posti “Colbricon Express”;
Alpe Tognola: impianto di innevamento e raccordo “Pista Cima Tognola – Cigolera".

► RIO PUSTERIA/BRESSANONE
Rio Pusteria: nuovo Funride & Familypark a Vals-Jochtal, nuova cabinovia a 10 posti “Ski Express” e nuova pista “23 Wastl Huber”;
Bressanone: inizio lavori per realizzazione di un bacino per l’innevamento da 70.000 m3 alla Plose.

► ALPE LUSIA/SAN PELLEGRINO
Alpe Lusia: lavori di adattamento alla pista “Le Cune – Campo” con annesso sistema di innevamento;
Bellamonte: nuovo rifugio “Chalet 44” a Morea;
San Pellegrino: lavori di potenziamento del sistema di innevamento della pista “La Volata” e sostituzione delle sciovie “Le Buse 1 e 2”.

► CIVETTA
Selva di Cadore: diversi lavori di adattamento e potenziamento sui diversi sistemi di innevamento programmato e Conclusione dei lavori di allargamento della pista “Fertazza”.

 

Fonte: www.dolomitisuperski.com