Henrik Kristoffersen, Kjetil Jansrud, Leif Kristian Haugen, Sebastian Foss-Solevaag e Aksel Lund Svindal, i cinque alfieri della forte squadra norvegese - che ha mostrato e sta mostrando tutte le sue grandi qualità nella Coppa del Mondo di sci alpino - hanno un legame particolare con il Trentino, ma soprattutto con la skiarea della Paganella, che fino al 2018 è il centro federale alpino della nazionale scandinava.

Su queste piste hanno spesso preparato appuntamenti importanti e in particolar modo le gare italiane di dicembre. «Ho avuto l’onore di conoscere Andalo grazie alle prime partecipazioni all’Alpine Rockfest – sottolinea Svindal -, poi la Paganella è diventata il nostro centro di allenamento ed ho potuto apprezzare non solo la fantastica pista Olimpionica 2, unica per tecnicità e varietà del pendio, ma pure l’ospitalità e il cibo della gente trentina».

Lo confermano anche gli allenatori della squadra norvegese e la stella del team, Henrik Kristoffersen, reduce da due brillanti vittorie negli ultimi due slalom di Coppa di Mondo. L’allenatore Stefan Kornberger sottolinea come gli atleti si sentano a casa in Trentino, mentre Kristoffersen, considerato attualmente il più forte slalomista del Circo Bianco e detentore della Coppa del Mondo di specialità nel 2016, spiega come avviene la preparazione sulla pista Olimpionica 2, in Paganella, oltre che illustrare la qualità delle piste e l’ospitalità trentina. Il tracciato viene preparato nei minimi dettagli per ricreare le condizioni che gli atleti troveranno poi nelle gare di Coppa del Mondo. Kristoffersen dice di amare allenarsi in Trentino ed apprezza l’Italian Style, che si traduce in sole, divertimento, ma soprattutto buona cucina.


 


50 KM DI PISTE PER TUTTI I GUSTI

Una realtà sciistica moderna e completa quella dell’Altopiano della Paganella, che può vantare 50 km di larghissime piste, 1.100 metri di dislivello e un sistema d'innevamento programmato che copre il 100% dei tracciati. Ma soprattutto il comprensorio è in grado di soddisfare ogni tipo di sciatore, grazie alla varietà di pendii che riesce ad offrire: 10 piste blu, con vari gradi di difficoltà per accompagnare i principianti nella loro evoluzione, 13 piste rosse per gli amanti dello sci, 1 pista nera per i più esperti; e, per gli amanti dello snowboard, un ampio snowpark ricco di strutture. Andalo e Fai della Paganella sono serviti da un'efficace rete di impianti sciistici di risalita (ben 17), con modernissime telecabine, seggiovie e tapis roulant che garantiscono una portata oraria di 27.000 persone, tutti accessibili con un unico skipass;

Piste per tutti i gusti e i livelli, ma anche il contesto è davvero imperdibile, come i rifugi alpini sulle piste che sono in grado di proporre un’offerta enogastronomica per rendere la vacanza ancora più frizzante e all’insegna del piacere e del benessere. 
 

LO SCI DI NOTTE

Fin dal 2015 sulle piste del comprensorio del Paganella Ski si scia anche di notte, un’opportunità importante per chi ama sciare ad Andalo in Trentino. Paganella Ski entra così a far parte delle località sciistiche dove è possibile sciare anche di notte. Un investimento importante per la località sciistica che permette a tutti gli sciatori e snowboarder di divertirsi anche al calar del sole sulle nevi della pista Cacciatori 1, raggiungibile con la telecabina Andalo – Doss Pelà (fino alla stazione intermedia in località Dosson). L’apertura è fissata tutti i martedì e venerdì dalle 19.30 alle 22.00.

 

 

Scopri l’area sciistica di Andalo e Paganella, in Trentino