La vacanza invernale ideale deve essere proprio così: neve perfetta sulle piste, cielo azzurro, un paesaggio spettacolare e un comprensorio sciistico vasto e variegato. Dolomiti Superski soddisfa tutti questi requisiti per trasformare il sogno in realtà. Chi prenota una vacanza sulla neve nelle Dolomiti può stare tranquillo: ad attenderlo ci sono ben 1.200 km di piste di tutti i gradi di difficoltà ed il sole che splende otto giorni su dieci durante l’inverno. Ma non solo – l’offerta è variegata e completa, anche se ciò che si vede e si sente è solo la punta dell’iceberg, l’eccellenza. Dietro le quinte ci sono però tante persone che si impegnano al massimo per i propri ospiti.

Dolomiti Superski non è solo sci e sole, ma offre molto di più, ovvero la vacanza completa all’insegna del piacere – una montagna di piacere. Nel territorio dolomitico si trovano infatti 50 località, grandi e piccole, con un gran numero di strutture ricettive di alto livello, già a partire dall’hotel a 3 stelle. È vastissima la scelta di rifugi accoglienti sulle piste, dove potersi fermare per prendere il sole in terrazza o per gustare le specialità della cucina di montagna. Su tutto il territorio si contano ben 13 ristoranti stellati, a dimostrazione della grande passione per i fornelli che regna nelle Dolomiti. E poi tanti i negozi che accompagnano gli ospiti durante le loro passeggiate serali nei centri abitati, sempre pieni di vita, invitandoli a fare shopping in ambienti moderni, trendy e soprattutto di alta qualità.

Per poter godere di tutto questo è necessario che ci sia un sistema ben integrato che faccia funzionare i servizi, che metta a disposizione le risorse umane qualificate, che incentivi gli investimenti necessari per mantenere il tutto sempre ad altissimi livelli. Chi passa le proprie vacanze sulle Dolomiti, per la maggior parte vede solo la punta dell’iceberg, il servizio vero e proprio – il backstage invece, non è visibile a tutti, pur essendo fondamentale per poter mettere a disposizione ciò che rende perfetta la vacanza in montagna. Il “dietro le quinte” di Dolomiti Superski è fatto in primo luogo di persone, che si impegnano nei vari settori, ma con un unico obiettivo: offrire servizi ai propri clienti, raggiungendo il più alto livello di qualità possibile.

 

► BACKSTAGE GASTRONOMIA

 

Cucina d’alta quota

Il territorio di competenza di Dolomiti Superski si estende su ben 3.000 km2, toccando 2 regioni (Trentino-Alto Adige e Veneto) e 3 province (Trento, Bolzano, Belluno). Tra tutte le peculiarità che queste 12 valli hanno da offrire, c’è anche la cucina – varia, tradizionale e cosmopolita. Sono infatti ben 5 le culture gastronomiche che si fondono, dando vita a specialità uniche: la cucina trentina, tirolese, ladina, veneta e mediterranea. L’amalgama di queste cinque correnti rende il piacere a tavola sulle Dolomiti ancora più intenso, grazie ai sapori che sanno sorprendere chi intraprende questo piacevole viaggio tra i fornelli. Sono tantissimi, ben 400 i rifugi lungo i 1.200 km di pista del comprensorio Dolomiti Superski, che invitano a fermarsi e a gustare le numerose specialità, godendosi il favoloso panorama alpino dalla terrazza soleggiata. 

 

Gli “stellati”

Inoltre, in varie località dolomitiche, la grande passione per le delizie del palato e l’intraprendenza di albergatori e chef ambiziosi, hanno portato ad avere oggi ben 13 ristoranti insigniti di stella Michelin. Se rapportato al territorio ed agli abitanti, da questo numero risulta una densità altissima di “stellati”. Alta professionalità, tenacia, talento, palato fine e la ricerca della massima qualità sono valori nei quali Dolomiti Superski e la gente che vive nei 50 paesini di montagna che ne fanno parte, si identificano e ne fanno il leitmotiv per la loro attività.

Ecco i ristoranti stellati Michelin sul territorio di Dolomiti Superski (stato 2016):

 

  Stelle

Nome

Chef

Località

Prov.

**

St. Hubertus

Norbert Niederkofler

S. Cassiano/Alta Badia

BZ

**

Jasmin

Martin Obermarzoner

Chiusa/Valle Isarco

BZ

*

Stüa de Michil

Arturo Spicocchi

Corvara/Alta Badia

BZ

*

La Siriola

Matteo Metullio

San Cassiano/Alta Badia

BZ

*

Schöneck

Karl Baumgartner

Falzes/Plan de Corones

BZ

*

Alpenroyal Gourmet

Mario Porcelli

Selva/Val Gardena

BZ

*

Anna Stuben

Raimund Brunner

Ortisei/Val Gardena

BZ

*

Tilia

Chris Oberhammer

Dobbiaco/Alta Pusteria

BZ

*

Johannes Stuben

Markus Baumgartner

Nova Levante/Carezza

BZ

*

‘L Chimpl

Stefano Ghetta

Tamion/Val di Fassa

TN

*

El Molin

Alessandro Gilmozzi

Cavalese/Val di Fiemme

TN

*

Malga Panna

Paolo Donei

Moena/Fassa-Trevalli

TN

*

Tivoli

Graziano Prest

Cortina d’Ampezzo

BL

 

 

La formazione professionale

Dietro le quinte operano naturalmente tanti professionisti e giovani del posto, che hanno avuto una formazione professionale in uno dei numerosi istituti professionali per il turismo e la gastronomia nelle tre province. Specialmente la formazione duale dell’Alto Adige, che prevede 3-4 anni di formazione paritetica a scuola e sul posto d’apprendistato, porta a grandi risultati nel tempo e motiva in maniera ancora più intensa i giovani. Molti di essi provengono da famiglie che vantano una tradizione alberghiera e gastronomica pluridecennale e dalle quali hanno ereditato la passione per questo ambiente, per l’ospitalità e per il contatto diretto con gli ospiti. A loro si aggiungono sempre più collaboratori provenienti dai paesi comunitari dell’est europeo, come la Repubblica Ceca, la Slovacchia e l’Ungheria, altamente formati professionalmente nel settore alberghiero e nel service, che arricchiscono il capitale umano impegnato nel vasto sistema economico delle valli dolomitiche. Moltissimi di loro lavorano “dietro le quinte” come in cucina, ai piani, nei back office, dove l’ospite non li vede, ma può beneficiare ogni giorno del loro impegno rivolto alla massima qualità del servizio offerto.

 

www.dolomitisuperski.com