Ogni tanto le buone notizie meritano di essere evidenziate e questa ha un sapore diverso e piacevole, considerato il periodo di crisi che stiamo attraversando. Sansicario, storica località sciistica della Vialattea fin dagli anni '70, sarà ufficialmente riportata in vita da chi davvero ama questa stazione. Infatti sono circa 600 i soci della "Cooperativa Nonsoloneve" presieduta da Giuseppe Peyron, che hanno deciso di investire concretamente per sollevare le sorti di questa località della Val di Susa, dopo la decadenza che l'ha colpita nel post-Olimpiadi rendendola quasi un paese fantasma. La cifra raccolta per acquistare gli immobili della stazione sciistica si aggira intorno ai 6 milioni di euro, raccolti dai soci (10.000 euro a testa) in un anno.

Dall'unione delle forze si cercherà di far rivivere e di restituire un respiro turistico a Sansicario, dando in gestione immobili ed attività commerciali come negozi, bar e ristoranti a società realmente interessate a far parte di questo progetto di rilancio.

Come dichiarato direttamente sul sito della cooperativa, gli obiettivi primari di Nonsoloneve sono:

    •    acquistare gli immobili del centro commerciale a titolo definitivo;
    •    darli in gestione in modo da ripristinare e garantire adeguati servizi;
    •    ripristinare la monorotaia, consentendone l’uso esclusivo ai soci;
    •    ripristinare, secondo un ordine logico e commisurato alle risorse disponibili, il cinema, la piscina e i campi da tennis.

Ad oggi la speranza del presidente della cooperativa, e di tutti a questo punto, è che i primi frutti di questi investimento si possano già vedere in questa stagione invernale, magari nel periodo delle festività natalizie. Questo sarebbe sicuramente un segno positivo e di grande slancio per chi ha sostenuto questa iniziativa ed apprezza Sansicario.