Vengono infatti, tra gli altri, utilizzati bambù a crescita rapida, legno ricavato dalle foreste locali o materiale riciclato, come la carta per le parti laminate e l'acciaio per i bordi. Le resine e gli altri materiali tossici vengono usati con sempre maggiore parsimonia. Flow introduce una limitazione già nella creazione dei prototipi: i loro numero è inferiore rispetto a prima. I prodotti ecologici sono davvero "verdi" se anche il consumo di energia per la lavorazione e i tragitti di trasporto sono ridotti. Un esempio in questo caso è rappresentato da Amplid che, non solo utilizza i fiocchi di legno risultanti dalla fresatura per l'anima, ma per la quale è anche fondamentale che nessun componente percorra oltre 300 km per arrivare allo stabilimento dove si procederà alla costruzione.
Sarà possibile maggiore facilità in curva grazie a cocker che perdona gli errori. Grazie al ponte negativo (rocker) il naso e la coda delle tavole risultano leggermente arcuati verso l'alto favorendo la spinta verso l'alto, quindi sempre più facili sulla pista, sul terreno, nel pipe o nel park. Grazie alle comode caratteristiche di conduzione, la tecnologia rocker sarà di serie praticamente in tutta la prossima generazione di tavole. Il ponte negativo varia molto e va da quello meno marcato a quello estremo. Ciò nonostante alcuni produttori dedicano di nuovo una maggiore attenzione anche alla struttura originale del camber. Non solo Burton perfeziona in parte la sua collezione con questa tecnologia originale.

Proprio per lo jibben ogni centimetro in meno di lunghezza della tavola è un vantaggio. Ora anche i ragazzi alti possono scivolare su tavole più corte che, grazie all'ultimissima tecnologia, non vibrano anche con una lunghezza inferiore e garantiscono una conduzione ottimale. Völkl va in direzione contraria e con la sua tavola pin-tail vuole produrre, proprio sulla pista, la sensazione di una discesa in powder.
Sono sempre di più le piccole aziende produttrici di snowboard, come ad esempio Powderequipment o LTB, che vanno incontro ai desideri specifici dei loro clienti con tavole pregiate e molto costose, realizzate in quantitativi limitati. Così accanto alle tavole di eccellente qualità per la pista e il park vengono offerte di nuovo anche tavole lunghe per scivolare con diletto sulla neve fresca oppure tavole split che, durante il fuoripista, vengono separate per la salita.

Le nuove tavole hanno un aspetto ordinato. Non importa che si tratti di uno stile retro minimalista o di stampe, gli elementi grafici sono ridotti all'essenziale e sono chiari. Predominano i colori solidi come il rosso, il verde o il blu, in parte con un effetto sbiadito e smorzato. Mentre i colori nel frattempo vengono applicati medianti processi digitali, le serigrafia continua ad essere utilizzata solo se le tavole sono impreziosite anche da elementi tattili. In tal caso la gamma è ampia e va dalle superfici ruvide, che ricordano la carta vetrata, alle inserzioni dorate e ai materiali morbidi fino ai piccoli componenti luccicanti per le tavole delle signorine.
Gli scarponi e gli attacchi, che si combinano perfettamente tra loro, devono trasmettere la forza dal piede alla tavola in modo ottimale. Un precursore di questi sistemi chiusi è Flow. Novità: l'ammortizzamento utilizzato negli stivali per snowboard è realizzato per la prima volta con materiale OC-Kush che da un lato ammortizza in modo ottimale e dall'altro garantisce un sostegno sicuro a livello di talloni e caviglie. Oltre all'ammortizzamento l'attenzione si concentra sui sistemi di allacciatura perfezionati che vengono in parte combinati tra loro. I nuovi strap di Nitro lasciano decidere agli snowboardisti se chiudere lo strap della punta sulle dita o, in modo classico, sul collo del piede.

I bambini sulla tavola
Da molto tempo i bambini rappresentano una fascia importante per i produttori di tavole e la gamma di tavole, scarponi e sistemi di attacchi, in base alle età, è grande. Ora si va nei dettagli. Così Twin-Shapes permette alle nuove leve dello snowboard di scoprire in modo giocoso mentre sono sulla tavola quale gamba mettere davanti. Gli attacchi sono facili da chiudere anche con i guanti. Nitro ad esempio infila nei suoi stivali lacci più sottili che anche le mani dei bambini possono afferrare bene e legare.