Tra le risaie e i vigneti piemontesi sorgerà il primo Ski Dome italiano. Un impianto al coperto per praticare tutto l'anno gli sport invernali, dallo sci da discesa al fondo, allo snowboard. Per la prima struttura indoor l'ubicazione è stata individuata nel comune di Borgo San Martino, a sei chilometri da Casale Monferrato (Alessandria). Nelle giornate terse all'orizzonte si staglia il gruppo del Monte Rosa.

Non è più utopia. Il progetto "Snowplay" della società torinese "Sempresci" è già stato presentato nella sede del consiglio provinciale di Alessandria. L'intesa con i proprietari dei terreni, i sindaci del Casalese e la giunta provinciale è stata raggiunta. Con un investimento di 30 milioni di euro alcuni imprenditori piemontesi, per ora nell'ombra, intendono emulare la struttura di Dubai in cui si scia al chiuso in mezzo ad una grande struttura commerciale a poca distanza dal deserto.

La struttura prevede una superficie sciabile di 28 mila metri quadrati, un tracciato lungo 350 metri e largo 80, con una pendenza media del 20%. L'altezza massima sarà di 60 metri. Il pendio sarà diviso in due parti: una per gli agonisti e i loro allenamenti e una per gli sciatori amatoriali. L'impianto con una seggiovia e skilift (con una portata di 100 persone contemporaneamente) sarà ricoperto quasi interamente da pannelli fotovoltaici ad alta efficienza per generare una potenza di 2,5 megawatt. Un'ora di sci (compreso il noleggio dell'attrezzatura) si prevede costerà tra i 18 e i 20 euro. I lavori dell'ambizioso progetto dovrebbero iniziare fra circa un anno e entrare in funzione entro il 2012.

La pista sarà raggiungibile facilmente da Torino, Milano e Genova, essendo al centro di un triangolo autostradale. Ad alcuni può sembrare un controsenso realizzare uno Ski Dome in una regione ben fornita di montagne e famose skiarea. Ma il progetto ha l'appoggio della Federazione Italiana Sport Invernali perché, giustamente, rappresenta un ottimo veicolo per invogliare le giovani generazioni ad avvicinarsi agli sport della neve, magari grazie a lezioni collettivi e accordi con le scuole). Creando una passione che porterà poi nuovi clienti sulle piste delle Alpi..

Lo Ski Dome piemontese si inserisce in un trend internazionale. E nella "Snowhall" di Amneville (Francia) si è svolta alla fine dello scorso anno la prima edizione dei campionati europei indoor di sci alpino, organizzati dalla Federazione europea di sci, nuova associazione fondata da Italia, Austria, Svizzera e Francia. E gli azzurri Christof Innerhofer e Manfred Moelgg hanno conquistato un argento e un bronzo.

A Dubai funziona dal 2005 un impianto realizzato dai francesi di Transmontagne, ma in Europa gli impianti si sci indoor abbondano. A Madrid uno ski dome è stato inaugurato nella primavera 2003, in un complesso commerciale di 135.000 metri quadri, di proprietà del gruppo Corte Inglés (catena spagnola di centri commerciali). La pista da sci è lunga 250 metri. Ad Antoing, in Belgio, a 7 chilometri dalla frontiera francese, sorge "Snow Valley", il più grande centro europeo di sport invernali.

Sono stati i Paesi Bassi ad anticipare questa passione che permette la pratica dello sci a chi ha passione ma non montagne. La pianeggiante Olanda si è dotata di cinque centri sciistici in soli 10 anni. L'imprenditore Nicky Broos è stato il primo a tentare la scommessa a Rucphen. Da allora, fino al nuovo impianto di Zoetermeer, i patiti della neve sono più di 300.000 all'anno e spendono più o meno 20 euro all'ora per accedere alle piste e noleggiare l'attrezzatura. In Gran Bretagna il gruppo Xscape propone diversi centri situati nel cuore delle grandi strutture commerciali: Castleford, Milton Keynes, Brahead (Scozia). Le piste sono grandi (tra i 150 e i 200 metri di dislivello) ma i prezzi sono i più alti d'Europa. Molti impianti indoor anche in Germania dove quelli di Bispingen e Wittenburg, si sono aggiunti a quelli di Senftenberg, Neuss e Bottrop. Quest'ultimo possiede la pista più lunga dell'Europa, 640 metri.

Anche in Oriente lo sci indoor va forte. In Giappone sono 9 gli Ski Dome, ma è la Cina, al solito, che fa notizia: sarà inaugurata il prossimo ottobre in Cina a Guangzhou, vicino a Hong Kong, la pista indoor più lunga del mondo, lunghezza 1 chilometro. A Guangzhou le dimensioni sono raddoppiate, e in Cina lo sci indoor sta esplodendo visto che già c'è un progetto avanzato a Nanjing, che sarà realizzata il prossimo anno e avrà una pista di 500 metri.