St. Moritz ha ospitato i Campionati di Sci in altre 4 occasioni in passato, la prima nel 1934, ed è stata in corsa per quello del prossimo anno che si svolgerà a Schladming (Austria) e per quello di Beaver Creek/Vail in Colorado nel 2015.

La decisione è stata presa dal Consiglio della FIS al 48° Congresso internazionale di sci a Kangwonland (Corea). St. Moritz ha ottenuto la maggioranza con 12 voti al primo turno contro Are (Svezia), l'unica candidata rimasta dopo l'improvviso ritiro all'ultimo minuto di Cortina d'Ampezzo.

"La decisione presa non è stata facile, ma nei momenti difficili è fondamentale essere forti, determinati e mostrare coraggio. Ci siamo resi conto che non era il momento giusto per Cordina" commenta Flavio Roda, Presidente della Federazione Italiana di Sci. "Ritirare l'offerta significa avere più tempo per presentare al meglio il nostro Patrimonio Mondiale dell'Unesco per la candidatura del 2019. In particolare vogliamo lavorare per ottimizzare gli impianti di risalita che uniscono le valli delle Dolomiti, per creare dei veri e propri collegamenti."

Oltre a St. Moritz, Kulm (Austria) e Sierra Nevada (Spagna) sono stati eletti all'unanimità come paesi ospitanti rispettivamente del FIS Ski Flying World Championship 2016 e del FIS Ski & Snowboard Freestyle World Championship del 2017, rispettivamente.


I Mondiali di Sci Nordico saranno invece ospitati da Lahti (Finlandia), che ha avuto questo risultato al terzo scrutinio, con 12 voti in più rispetto a Planica (SLO).