Si sa il fine settimana di Pasqua segna sempre un grosso spartiacque nella stagione sciistica. Spesso infatti coincide con l'ultimo fine settimana in cui le piste sono aperte.
 

Tante località continueranno a restare aperte cercando così di risollevarsi dopo un inverno, turisticamente parlando, disastroso. A livello politico si invocano aperture straordinarie, ora che la neve c'è e pure parecchia l'appello sembra essere stato accolto.

 
I dati a nostra disposizione ci dicono che molte località hanno chiuso i battenti il 28 di marzo, lunedì di pasquetta, ma sono tantissime (e sottolineiamo tantissime) quelle che rimarranno aperte ancora un pò....


Vediamo quali, regione per regione:

 

In Trentino il comprensorio Adamello Ski, chiude i battenti, come di consueto il 1° maggio, stessa cosa per gli impianti di Passo Fedaia – Marmolada e di Canazei. Il 17 aprile si chiude a Madonna di Campiglio. Si scia fino al 10 aprile a Folgarida - Marilleva, Cavalese e a Pozza di Fassa, il 3 aprile si chiude a Polsa – San Valentino e a Andalo – Fai della Paganella, così come a Monte Bondone, Pinzolo e Vigo di Fassa.

 

In Alto Adige si scia fino all'8 maggio (avete capito bene) a Solda e in Val Senales, il 10 aprile invece si chiude a Plan de Corones, Obereggen e in Val Gardena.

 

In Veneto, Asiago chiude il 24 aprile, mentre San Pellegrino – Falcade il 10. Il 3 aprile chiude il Comprensorio Ski Civetta.

 

In Lombardia impianti aperti fino al 20 aprile a Maniva Ski, si  chiude il 17 aprile a San Simone – Brembo Ski e a Piani di Bobbio e Valtorta. A Madesimo si scia fino al 10 aprile, così come a Santa Caterina di Valfurva e a Bormio. A Livigno si vuole strafare a la stagione va avanti fino all'8 maggio.

 

In Piemonte si chiude l'8 maggio a San Domenico di Varzo e a Macugnaga, il 1° maggio ad Alagna Valsesia, il 17 aprile nei comprensori della Via Lattea e il 10 aprile nelle località del comprensorio Mondolèski e a Limone Piemonte.

 

In Valle d'Aosta si scia fino al 1° maggio a Cervinia, fino al 10 aprile a La Thuile, Pila, Champoluc e a Courmayeur.

 

In Friuli Venezia Giulia la stagione continua fino al 6 aprile e probabilmente la chiusura verrà ritardata ancora di un fine settimana. I 6 metri di neve caduti in questo inverno particolarmente ricco di precipitazioni da quelle parti, hanno fatto fare marcia indietro a tutti i gestori degli impianti. In Friuli, nonostante l'inverno mite, si sono registrate precipitazioni nevose record, quasi 7 metri sul Monte Canin, con la località di Sella Nevea che è rimasta isolata, causa neve, per alcuni giorni, storie d'altri tempi. Sella Nevea addirittura chiuderà i battenti il 27 aprile. Forse vale la pena di fare un salto in Friuli…

 

In Emilia Romagna le stazioni sciisstiche resteranno aperte a lungo in questa stagione. A Cimone si scia fino all'8 maggio, a Cerreto Laghi si chiude il 17 aprile, mentre a Corno alle Scale si chiude il 10.

 

In Toscana di scia fino al 10 aprile all'Abetone, mentre in Abruzzo la stagione continua fino all'8 maggio a Campo Imperatore e Passo Lanciano – Majelletta. 

Insomma, è confermata una tendenza già in voga da alcuni anni. Se l'inizio di stagione invernale è arido e la neve manca, il finale è ricco di neve e si scia anche fino a maggio inoltrato in molte località dell'Italia.
 

 
 CALENDARIO CHIUSURA IMPIANTI (in aggiornamento continuo) 

❄ BOLLETTINI NEVE AGGIORNATI


❄ WEBCAM IN TEMPO REALE