✔ MANGIARE SCI AI PIEDI IN VAL GARDENA

In Val Gardena cresce la possibilità di degustare piatti eccellenti direttamente sulle piste da sci, oltre in ristoranti e rifugi. Per esempio, è possibile mangiare pesce fresco in quota, in piena stagione invernale, scegliendo la pista che porta al Rifugio Emilio Comici, noto anche per i suoi aperitivi e per le Special Nights, che si concludono con lunghe discese notturne in slittino o con gli sci ai piedi.

Direttamente sulle piste da sci anche la Baita Daniel che, oltre ad offrire un’ottima cucina tradizionale tirolese, mette a disposizione dei propri ospiti anche grappe e distillati di frutta e per i palati più esigenti cognac e armagnac, che scaldano e rinvigoriscono quando la temperatura invernale è particolarmente rigida.

Un rimedio veramente unico e originale contro il freddo si ordina al Rifugio Troier, che offre agli avventori la Nonna bollente, una bevanda servita come vera specialità della casa.

La Baita Sofie invece ogni giovedì propone degustazione guidata di vino, speck e formaggi. Il suo ristorante pone molta attenzione alla genuinità dei prodotti, inserendo sempre nel menù piatti realizzati con ingredienti biologici.

Infine per gli amanti dei dolci, nei pressi del Dantercëpies si trova Villa Frainela, dove è possibile gustare le torte, i dolci fatti in casa, e il gelato accompagnati da infusi e tisane provenienti da tutto il mondo.
 


 CIBI LOCALI CHEF GLOBALI IN ALTO ADIGE

È di Norbert Niederkofler e Hugo Pizzinini, il progetto Cook the Mountains, innovativo e creativo, con l’obiettivo di contribuire a dare all’Alto Adige un’identità gastronomica ben definita, attraverso la valorizzazione delle realtà locali, creando profonde sinergie fra gli chef dell’Alto Adige, il centro di ricerca della Provincia di Bolzano, i produttori di vino e naturalmente l’agricoltura.

Tra i ristoranti, si segnala il ristorante St. Hubertus, da sempre, luogo di esperienze culinarie uniche, dove la priorità viene data alla qualità delle materie prime e al rispetto del prodotto e del territorio. Cook the Mountains è un'idea di gastronomia ispirata all'ambiente montano e alla sua cultura, per sganciarsi dalle convenzioni della cucina internazionale e dalle materie prime legate al mercato globale della gastronomia, per avvicinarsi sempre di più al territorio. In particolare la montagna e i produttori locali. Un menù rinnovato, piatti che profumano di sapori nuovi, con una nuova identità come per l’orto d’inverno – rafano, rapa rossa, corteccia di verdura, o per il risotto – formaggio grigio Graukäse, cipolla brasata, pane pücia, e filetto di bue di malga – fieno dei nostri prati, ravioli di sedano bbq di pancia, pure’ di patate alla senape.


 APERITIVO IN PISTA

In quattordici rifugi sulle piste dell’Alta Badia si potranno gustare, durante tutta la stagione invernale, le leccornie e gli stuzzichini, ideati con originalità da uno chef stellato. Ogni chef sarà abbinato ad una determinata baita dell’Alta Badia. Tra i cuochi non possono mancare i DoloMitici, Norbert Niederkofler del ristorante St. Hubertus, Arturo Spicocchi del ristorante La Stüa de Michil e Matteo Metullio del ristorante La Siriola. Trattandosi di stuzzichini, che andranno ad accompagnare gli aperitivi, va sottolineata l’importanza dei vini scelti. Alle creazioni degli chef verranno, appunto, abbinati i migliori vini dell’Alto Adige, consigliati dagli chef stessi e scelti dai migliori sommelier altoatesini.
L’iniziativa Slope Food è proposta dalle baite Club Moritzino, Bamby, I Tablà, Bioch, Las Vegas, Ciampai, Pralongià, Piz Arlara, Col Alt, Mesoles, Jimmi, Lèe, I Tamà e Nagler, durante tutta la stagione invernale 2013/14.
Il prezzo degli Slope Food, che comprende uno stuzzichino, creato da uno chef stellato e un bicchiere di vino dell’Alto Adige, è di 12,00 Euro. Oppure potete munirvi della Slope Food Card per tre assaggi in tre baite a 30 Euro. Viene proprio voglia di fermare gli sci per "gustarsi" meglio la montagna!!
 
 
✔ GUSTO IN QUOTA A SESTRIERE
 
Varie le date per parteciapre all’evento Gusto in Quota: alle ore 18.00 incontri con i produttori e dimostrazioni di cucina presso l'Ufficio del Turismo di Sestriere in via Louset, piccole degustazioni delle ricette preparate e riprese video in diretta. Momenti di valorizzazione dei prodotti piemontesi, in particolare prodotti di Cavour (carne di Cavour di razza piemontese, mele e frutta della pianura pinerolese), showcooking, lezioni pratiche di cucina per ragazzi e adulti, presentazioni di libri di cucina e molto altro.
Per maggiori info: www.museodelgusto.it
 
 
✔ BOLLICINE A 1200 METRI
 
E da oltre trent’anni il sapore di montagna in bollicine si chiama Arunda, lo spumante prodotto nei dintorni di Merano. L’uva è uno dei prodotti che maggiormente rappresenta l’Alto Adige. In questa terra esiste una vera e propria cultura del vino e una serie di eventi legati a esso ne testimoniano l’importanza, come il Merano WineFestival, Vino Culti e le Giornate del Riesling. Per chi visita la zona di Merano è quasi inevitabile considerare di fare un giro delle cantine, organizzando tour nelle varie cantine che producono vini autoctoni come il Lagrein e il Traminer aromatico, o altre varietà di uva come il Sylvaner e il Kerner, ma una di queste detiene anche un primato, la cantina di spumanti più alta d’Europa: la cantina Arunda Vivaldi di Meltina. A 1.200 metri d’altitudine, Joseph Reiterer e la sua famiglia producono il vino che per antonomasia si associa ai migliori brindisi.