Vulcano...una parola che evoca subito lava, fontane di fuoco e roccia incandescente. Ma molti vulcani sono anche montagne perfette per lo sci, non solo per le loro forme perfette, i pendii inclinati al punto giusto, le larghe falde: la torre solitaria che si staglia verso il cielo genera quel giusto calore che a contatto con le nuvole umide d'inverno non significa nulla più che una quantità enorme di neve (spesso la neve permane anche in estate come sul Mount Hood in Oregon, sul Monte Elbrus, o a Villarica in Cile). Di contrario, tale conformazione particolare è anche sinonimo di tempo instabile, come ad esempio sul Ruapehu, in Nuova Zelanda, dove ogni tre giorni c’è nebbia fitta e mediamente per uno/due giorni alla settimana lo sci è del tutto impossibile. Ma vediamo nel dettaglio le particolarità dei luoghi più famosi nel mondo per questo strano ma molto avventuroso approccio allo sci.
 

# ETNA - ITALIA

Con i suoi 3350mt è il vulcano più alto d'Europa. Il panorama è straordinario, con vista mare (se il tempo lo permette) e offre contrasti di rara bellezza: da una parte il nero delle rocce laviche, dall'altra il candido manto di neve sui pendii.
La pratica degli sport invernali, è legata soprattutto alle località di Nicolosi (Etna Sud), che ha l’offerta più ampia, e di Linguaglossa (Etna Nord): un totale di 11 km di piste servite complessivamente da 9 skilift e da una cabinovia a 6 posti.

Le due skiarea non sono collegate.

L'Etna offre anche ottimi spunti per lo scialpinismo. E' possibile avventurarsi con gli sci ai piedi in quasi tutti i versanti dell'Etna seguendo i "Sentieri natura" della Forestale o la "pedemontana" che, con i suoi 40 km, permette di compiere il giro dell'Etna passando per vari rifugi.
Anche con lo sci di fondo è possibile spaziare nel territorio del parco percorsi adibiti e spesso battuti nelle vicinanze di Nicolosi (Piano Vetore) e di Linguaglossa (Piano Provenzana), oppure si possono effettuare delle vere e proprie escursioni seguendo i percorsi naturalistici designati dalla Forestale e dall'Ente Parco.

 

# ELBRUS - CAUCASO, RUSSIA

Dalla stazione "Mir" con una seggiovia si sale fino a quasi 3800 mt e con un passaggio su un battipista si può raggiungere quota 4100 m, sciisticamente tra i punti più alti raggiungibili rispetto a qualsiasi altra parte del mondo. La stagione sciistica dura qui fino a giugno.

Fatta eccezione per alcune piste battute, peraltro molto lunghe, Elbrus offre grandi possibilità di itinerari fuori-pista. Attenzione però perché il tipo di pendio può ingannare: le escursioni sono “caldamente” consigliate solo se accompagnate da una buona preparazione fisica e da una guida alpina professionale, unitamente a condizioni meteo favorevoli: sono questi gli ingredienti fondamentali per permette l'impresa di sconfiggere una delle più lunghe piste da sci in tutto il mondo!

Appunti di viaggio:
Comprensorio sciistico: 2350-4070 m, sei impianti di risalita, 35 km di piste da sci.
Guide: Viaggi e Spedizioni con il Team Alp Adventure, www.alpindustria-tour.ru
Noleggi: Diversi negozi di noleggio direttamente alla base.
Info: www.prielbrusie-hotels.ru


NISEKO UNITED - HOKKAIDO, GIAPPONE

Il vulcano, di 1309mt di altezza, sorge nella parte occidentale di Hokkaido.(JAP). La più settentrionale delle isole giapponesi, note per l’abbondanza di neve fresca. Molto parlato qui l’ingese, per via dei numerosi turisti Australiani. Quattro aree sciistiche, per i quali esiste uno skipass comune: Niseko Annupuri, Niseko Village, Hirafu e Hanazono Resort. Il panorama è mozzafiato e, grazie all'attività vulcanica, ci sono numerose sorgenti termali, Onzens, dove è possibile rilassarsi dopo una giornata di sci. Si può soggiornare  in alberghi moderni in stile occidentale, ma anche in ryokan tradizionali o Minshukus.

Appunti di viaggio:
Comprensorio sciistico: 250-1175 m, 30 impianti di risalita, 70 km di piste da sci
Guide: Guida Yutaka Takanashi con blog a http://ameblo.jp/niseko-voice
Noleggi: negozi in tutte le stazioni di base
Info: www.niseko.ne.jp/en/