Grande la tradizione per gli sport invernali in Veneto: certo Cortina resta sempre altisonante, alla moda e di tendenza, ma anche gli altri comprensori hanno molto da offrire tra tradizioni e cultura, tra natura incontaminata e panorami. Qui in sintesi cinque motivi per farvi scegliere il Veneto quale prossima destinazione per le vostre vacanze sulla neve.

1. Glamour: Cortina d’Ampezzo
Una tra le località più conosciute in assoluto all’estero e la prima città italiana ad organizzare i Giochi Olimpici. Dove il fascino della natura ha lasciato lo spazio ai ritmi fashion degli sport invernali dall’atmosfera cosmopolita.
Dove Dormire? Offerta Last minute per la vostra settimana Bianca coi bambini in appartamento.

2. Natura: Pale di San Martino
Immersa nel Parco naturale di Panaveggio, la catena dolomitica delle Pale di San Martino offre pareti rocciose, praterie e torrenti ma anche specchi d’acqua per i momenti più tranquilli. E poi abeti e ghiacciai. Da assaggiare il formaggio ‘Primiero di malga’, prodotto in estate con il latte delle mucche all’alpeggio. Varie le stagionature, adatto per polente e gustosi panini da portare con voi per le gite.
Dove Dormire? Da provare una delle fattorie didattiche, dove toccare con mano l’esperienza quotidiana di una azienda agricola. In Val Fassa l’Agritur Weiss, esattamente a Vigo di Fassa.

3. Sciare in nottura: Pian del Crep
La stupenda pista illuminata a giorno, adatta a chi non vuole smettere di sciare con l’imbrunire. L’appuntamento è sulle piste di Pecoli, cinque chilometri di discesa, oppure a Zoldo sulla pista rossa Cristelin e la nera Foppe, dove si scia tutti i martedì, giovedì, venerdi e sabato.
Dove Dormire? Offerta interessante a Zoldo Alto, per chi preferisce soggiornare in appartamento.

4. Panorami incontaminati: Marmolada
Il gruppo montuoso che con Punta Penia raggiunge la sua imponente altezza di 3.343 metri di altitudine. Anche le altre vette sono una vera attrazione (Gran Vernel, 3210 metri, Sasso Vernale, 3058 metri e la Cima dell'Uomo con i suoi 3003 metri) e dove poter godere della solitudine, della bellezza della natura incontaminata. Una delle regioni più autentiche dell’arco alpino.
Dove Dormire? All’Hotel Roy, potrete già pianificare la vostra vacanza al sole di primavera e usufruire dell’offerta skipass gratuito per una giornata prenotando per sei o sette giorni.

5. Gastronomia: Alto Cadore
La cucina di questa zona è per tradizione una cucina povera per il clima rigido e il terreno poco favorevole, ma ricca di prodotti genuini e locali. La cucina del passato è stata rivista in chiave attuale: impossibile resistere ad un piatto di casunziei, i famosi ravioli a mezzaluna ripieni di rapa rossa e patata, conditi con burro fuso e ricotta affumicata, oppure canederli, polenta, i salumi e formaggi tipici. E tra i dolci le zopes e i crafin, vi aiuteranno a gratificare la vostra vacanza sportiva.
Dove dormire? Hotel Meublé Fiori a San Vito di Cadore, che propone l'offerta vacanze ‘Alto Cadore Alto Gusto’: quattro giorni di prodotti del territorio e un ingresso Zona Wellness o cena in rifugio.
 

Per maggiori info visita il sito del Consorzio Dolomiti Belluno: www.belledolomiti.it