Una storia tirolese di successo. E pensare che nell'estate del 2010 compie soli cinque anni di vita: dal suo battesimo del fuoco in poi il "Cammino dell'aquila" è cresciuto senza sosta, sia per quanto riguarda le dimensioni e la lunghezza del percorso, sia in termini di popolarità e apprezzamento. Era stato concepito, con molta ambizione, come un percorso di lunga distanza per attraversare l'intera regione. Scopo del "Cammino dell'aquila" era quello di mettere in luce le bellezze e le particolarità della regione nel cuore delle Alpi. Le 126 tappe giornaliere sono state scelte e organizzate in modo da rendere evidente e comprensibile questa grande ricchezza. Il carattere e l'unicità delle montagne del Tirolo si palesano nella loro straordinarietà lungo i quasi 1.500 km con circa 87.000 metri di dislivello.

Il "Cammino dell'aquila", pur così giovane, è già una stella di fama internazionale.
Nel 2007, la popolare e autorevole rivista inglese "Country Walking" lo aveva classificato tra i 50 sentieri a lunga percorrenza più belli del mondo. Oggi, in soli 5 anni di esistenza il "Cammino dell'aquila" si è attestato al terzo posto tra i sentieri più noti d'Europa. Di maggiore fama godono solo il Cammino di Santiago di Compostela e i Sentieri escursionistici europei a lunga percorrenza. Da un sondaggio condotto nella primavera del 2009 da Österreich Werbung sulle mete escursionistiche dell'Austria è emerso anche che il "Cammino dell'aquila" è il più noto percorso escursionistico austriaco, apprezzato in modo particolare dai turisti bavaresi.

Il tracciato principale è stato "inaugurato" nel 2005. La sua particolarità più evidente era l'andamento del percorso che, visto dall'alto, ricordava la sagoma di un'aquila. Il sentiero parte da St. Johann nella regione dell'Unterland tirolese, costeggia inizialmente le pareti del Wilden Kaiser, prosegue attraverso le Alpi di Brandenberg, i gruppi montuosi del Rofan e del Karwendel e continua attraversando le Alpi della Lechtal per raggiungere St. Anton am Arlberg. Sul Cammino dell'aquila gli escursionisti di ogni livello si trovano subito a proprio agio: chiunque voglia iniziare la carriera escursionistica con passeggiate a lunga percorrenza troverà qui itinerari vari e interessanti, utili per mettersi in forma. Gran parte degli itinerari del "Cammino dell'aquila" è dedicata a escursionisti piuttosto esperti che desiderino esplorare nuovi panorami montani in Tirolo. Esistono anche varianti in alta quota per gli alpinisti, che devono però possedere una buona preparazione e molta esperienza. Ma sui tracciati più impegnativi il "Cammino" offre sempre varianti più accessibili a tutti.

E non mancano gli aspetti gastronomici e goderecci. Locande, malghe e rifugi alpini costellano tutto il percorso, offrendo ovunque la possibilità di scoprire l'ampio panorama della cucina del Tirolo. Spesso il Cammino dell'aquila porta in luoghi culturali: alcune chiesette si trovano in posti particolarmente suggestivi.
Il grande progetto del "Cammino dell'aquila" è stato portato completamente a termine nell'estate del 2007. Gli itinerari regionali ora raggiungono le valli del versante meridionale della Valle dell'Inn, nel Tirolo Settentrionale, e oggi si può proseguire anche nelle vallate di Paznaun, Kaunertal, Pitztal, Ötztal, Stubaital, Zillertal e nella val Tannheimer. Altri sentieri consentono di raggiungere la regione del Kaiserwinkel, delle Alpi di Kitzbühel e di Tux e il Tirolo Orientale. Nel 2007 è stato completato anche il piccolo Cammino dell'aquila nel Tirolo Orientale, che porta escursionisti e alpinisti nel cuore delle meraviglie del parco nazionale degli Alti Tauri e in panorami montani incredibilmente emozionanti.

Info: Tirol Info, Maria-Theresien-Str. 55, 6010 Innsbruck (Austria), tel. +43 512 7272-0; info@tirol.at; www.tirolo.com; www.escursionismo.tirolo.com