Da sempre ha sviluppato un'attenzione particolare al recupero del territorio in cui vive e delle sue tradizioni antiche. Dopo aver trascorso con passione 50 anni in cucina e aver sedotto i palati con piatti eccellenti tra tradizione e innovazione, Maria Tomasoni Iannotta - splendida padrona di casa dell'Hotel Milano di Bratto della Presolana (Bergamo) - omaggia ora amici, ospiti e gourmet con il suo prezioso e ricco bagaglio di segreti ai fornelli. Le sue ricette, rivisitate negli anni per adeguarsi alle nuove tendenze alimentari e diventare quindi più "light" ma al tempo stesso ostinatamente fedeli a una fiera tradizione alpina, sono per la prima volta raccolte in un libro, corredato di fotografie d'autore.

Tra le pagine del volume si riscoprono sapori dimenticati e si resta sorpresi davanti alle infinite possibilità, tutte golose, di interpretare i regali del bosco, dell'orto, del fiume, del campo, della malga e della cascina. Antipasti, primi e secondi che hanno il sapore dei funghi, degli asparagi selvatici, di selvaggina, formaggi d'Alpe, erbe aromatiche, castagne, ortiche e aglio orsino, pesci d'acqua dolce, coniglio e faraona, pollo e agnello, verdure appena colte. E poi i dolci che profumano di mele cotogne, mirtilli e lamponi, burro di montagna, uova e panna fresche, cioccolato fondente, caramello, vino speziato, miele e frutta secca.

Le ricette sono tutte facili e veloci, pratiche insomma come le donne di montagna che le hanno concepite. Chiunque potrà deliziare i propri ospiti a cena con un menu a base per esempio di tartare di patate e finferli oppure gamberi di fiume in padella con verdure croccanti, crespelle di grano saraceno con formaggi di malga oppure risotto alla menta con filetti di trota, carré di agnello al profumo di spugnole oppure bastoncini di filetto coregone, mousse di ricotta con salsa di ciliegie oppure torta di granturco.

Maria Tomasoni Iannotta, "La mia cucina di Montagna - 110 ricette", Momaeditrice, pp. 160 , 32 euro (prossimamente in vendita su www.ibs.it).