Non eravamo più abituati a vedere la neve scendere così presto. Certo i due inverni abbondanti di fiocchi ci hanno fatto dimenticare quelli caldi, e con le piste irrorate dai "cannoni da neve", patiti dei primi anni del nuovo millennio. E molti non ricordano lo scorso dicembre avaro di precipitazioni nevose. Però appena si è vista, tra domenica 24 e lunedì 25 ottobre, arrivare la prima imbiancata sopra i 1.200-1.400 metri, ecco che si sono diffuse le voci di aperture anticipata degli impianti di risalita. Certo il manto bianco sull'arco alpino italiano ha raggiunto lo spessore anche di un metro, però in questi giorni la natura ha riportato tutto, o quasi, alla normalità, con temperature più vicine alle medie stagionali, la pioggia in quota con uno zero termico sopra i 2 mila metri. Per cui si sono sciolti molti entusiasmi. Non la neve però. La stagione dello sci si avvicina con buone speranze, e già viene anticipata, nella maggioranza delle skiarea, all'ultimo weekend di novembre, ben prima della tradizionale apertura legata a S. Ambrogio. La voglia di sci è tanta, lo si è visto dall'affluenza di pubblico allo "Skipass" di Modena. Ma guardiamo dunque alle stazioni dove è possibile tornare a praticare il piacere dello sci. In pratica poche e soprattutto legate ai ghiacciai dotati di impianti.

Iniziamo da Occidente e proseguire verso Est. Per il ponte di Ognissanti, c'è stato un buon debutto per gli sciatori a Cervinia. Grazie al freddo venuto in anticipo, alcune piste hanno aperto, ai 3.500 metri del ghiacciaio del Plateau Rosa, dove è già possibile sciare con ottima neve compatta (cm.50) sulle sciovie "Gandegg" e "Testa 1", oltre che sulla seggiovia del "Furgsattel". In Lombardia, mentre a Livigno è disponibile la pista di fondo (lo sci alpino sarà attivo dal 27 novembre), nella vicina Bormio si apprestano ad aprire il prossimo weekend del 6-7 novembre alcune piste a quota 3000. La decisione di quante e quali piste saranno disponibili è ancora da prendere, c'è molta neve ma è anche piovuto in quota e le temperature si sono alzate. Comunque tutti i possessori dello stagionale Bormio potranno sciare gratuitamente. Per i possessori di stagionali 4Valli, Alta Valtellina e Lombardia è previsto uno sconto del 20% sul giornaliero e il 2 giorni. Anche S. Caterina Valfurva si sta preparando alla speciale apertura nei fine settimana del 13-14, 20-21, 27-28 novembre. Un'apertura parziale e subordinata alle condizioni meteo), mentre quella ufficiale è fissata per il 4 dicembre. Come a Isolaccia.

I fiocchi hanno ricoperto tutte le cime del Trentino, compresa l'alta Val di Sole. E nell'ultimo fine settimana sul ghiacciaio della Presena sono scesi 120 cm di neve, più che sufficienti per consentire l'apertura degli impianti di risalita. Dopo una pausa forzata di due giorni per battere le piste, mercoledì 27 è stata ufficialmente inaugurata la stagione invernale trentina 2010-2011 sulla pista Presena destra e dal fine settimana del 30 e 31 ottobre sull'intero ghiacciaio, dai 3.000 metri di quota fino al Passo Paradiso, dove tra l'altro sta sorgendo un nuovo ski-bar e ristorante.

Anche il Passo Tonale è stato imbiancato; sono scesi infatti 80-100 cm di neve, ottimi per anticipare a sabato 29 l'apertura della pista Valena. Come inizio stagione, niente male. Il ghiacciaio Presena sarà aperto dalle 8.00 alle 16.00 (sabato domenica e festivi) e dalle 8.00 alle 15.00 (lunedì-venerdì), la pista Valena dalle 8.30 alle 16.30. Da sabato 30 ottobre sarà possibile acquistare gli skipass stagionali 2010-2011 del Carosello Skirama nelle biglietterie di Passo Tonale alla partenza della cabinovia Paradiso e via Circonvallazione. Tra le promozioni Skirama di quest'anno, lo stagionale Adamello Ski include anche 5 giornate di sci sulle piste di Aprica grazie ad un accordo tra queste due realtà turistiche nell'ottica della valorizzazione di queste stupende montagne.

Sempre in Trentino, è stata Folgaria ad aprire lo scorso weekend la stagione dello sci alpino.
Anche a Cortina la pista di fondo è aperta dal 27 novembre, ma per i discesisti si prospetta i tornare a sciare da sabato 13 novembre, con due settimane di anticipo sull'inizio della validità delle tessere stagionali del Dolomiti Superski, il cui imponente carosello si metterà in moto da sabato 27 novembre. Nonostante che nelle valli dolomitiche la nevicata anticipata ha regalato fino a 90 cm di manto bianco.

Altro ghiacciaio, in Val Senales dove gli impianti (la funivia Ghiacciai, i Grawand 2 e 3) sono aperti dalle ore 9 alle 16, con la funivia da valle è aperta fino alle ore 16.30. Poi dal 13 al 21 nella skiarea si svolgerà la 3° edizione del "Testival Preinvernale" dello sci-test dove si potranno provare e testare i nuovissimi modelli di sci e scarponi usati dai campioni. Con questo programma: dal 13 al 21 novembre disponibile il materiale di Rossignol, Dynastar e Lange; dal 18 al 21 in più i nuovi modelli di Elan e i modelli top per la prossima stagione messi a disposizione dallo "Skiservice Erwin Stricker Rent and go".

Info: www.cervinia.it, www.valsenales.com; www.bormioski.eu; www.adamelloski.com; www.cortina.dolomiti.org; www.livigno.eu.