I tradizionali falò del solstizio d'estate (21 giugno), il giorno più lungo dell'anno, sono molto diffusi sull'arco alpino e affondano le loro radici nell'età pre-cristiana. Infatti le popolazioni celtiche celebravano il solstizio d'estate al pari di tutti gli altri momenti più significativi dell'anno, appiccando fuochi sui monti. Questi falò di montagna avevano la funzione di un calendario, e segnavano il momento opportuno per la semina e il raccolto, l'attività e il riposo, l'invocazione e il ringraziamento degli dei. Queste tradizioni piriche risalgono probabilmente al mito secondo il quale il sole si affatica particolarmente nel superare i momenti di passaggio: per sostenerlo, quindi, gli uomini dovevano accendere dei fuochi.

Una particolarità del Tirolo è rappresentata dai cosiddetti fuochi del Sacro Cuore che vengono appiccati anch'essi nel periodo intorno al solstizio d'estate. La loro origine risale ai tempi della cristianizzazione, quando la Chiesa sostituì la festa del solstizio estivo con la ricorrenza per la nascita di Giovanni Battista il 24 giugno (prima dell'introduzione del calendario gregoriano, il 24 giugno segnava l'apogeo del corso solare, successivamente spostato al 21 giugno) e i fuochi del solstizio assunsero il nome di fuochi di San Giovanni. Questi furono a loro volta sostituiti all'inizio del IX secolo dalla festa di fuochi del Sacro Cuore di Gesù, in ricordo del voto fatto al Sacro Cuore nel 1796 sulle montagne tirolesi. In quell'anno, infatti, quando le truppe francesi capeggiate da Napoleone minacciavano la regione, i rappresentanti del Tirolo si riunirono a Bolzano (nell'attuale Alto Adige) per definire la situazione. Decisero di affidare la regione al "Sacro Cuore di Gesù" e di confidare così nell'appoggio del Signore. La proposta fu accettata all'unanimità, i rappresentanti della regione giurarono in nome del popolo di santificare ogni anno la ricorrenza del Sacro Cuore di Gesù. L'alleanza divina non servì a molto, ma ideologicamente sopravvisse ai disordini della guerra. È per questo motivo che i simboli infuocati sono soprattutto di natura religiosa, come croci, cuori o le lettere "IHS".

Sono numerose le località tirolesi dove si festeggia il solstizio estivo. La regione turistica Tiroler Zugspitzarena si appresta a celebrare la notte più corta dell'anno in modo particolarmente coinvolgente. Sulle vette circostanti si appiccano circa 8000 fuochi con i simboli più disparati, ponendo, così, in risalto la particolare misticità della notte del solstizio (data 2011, 18 giugno; www.bergfeuer.at). I fuochi di montagna della Zugspitzarena sono riconosciuti come patrimonio dell'umanità dall'UNESCO (World Heritage dell'UNESCO). Anche sulle catene di montagna intorno a Innsbruck la data da segnare in agenda è il 18 giugno 2011. "Montagne in fiamme" s'intitola il programma con cui la regione turistica di St. Johann in Tirol festeggia il solstizio il 17 giugno 2011. Prima dell'accensione dei fuochi di montagna, gruppi musicali e una fiaccolata con una compagnia di Schützen e una banda musicale prepareranno l'atmosfera per il grande evento; anche le funivie di St. Johann parteciperanno ai festeggiamenti offrendo corse notturne speciali per ammirare i fuochi. Ecco dove nel 2011, tra venerdì 17 giugno e sabato 2 luglio, vengono appiccati i fuochi di montagna o per la tradizione cattolica o per il solstizio.

Info: www.presse.tirol.at