Nelle ultime 48 ore i comprensori sciistici situati sui ghiacciai alpini hanno registrato fino a 30 cm di neve fresca, infatti il ghiacciaio dello Stubai ha annunciato la sua apertura per domani, 21 settembre, a seguito delle recenti nevicate che hanno incrementato il suo manto nevoso con 50 cm.

Pitztal, in Austria, inizia la sua lunga stagione (nove mesi) questo sabato, 24 settembre, aggiungendosi ai comprensori sciistici ancora aperti dall'estate e che hanno beneficiato di neve fresca negli ultimi giorni, Molltal (80cm) e Tux (105 cm), Passo Stelvio e Val Senales (40cm) e Saas Fee (59 centimetri) e Zermatt (20cm). Pitztal attualmente ha una quota neve di circa 50 cm e questo weekend svelerà anche il suo nuovo Doppelmayr (un impianto con cabine ad 8 posti e sedili riscaldati) costruito sul più alto ghiacciaio austriaco (oltre 3440 m). Inoltre Pitztal dispone di un sistema di innevamento IDE, l'unico progettato per produrre neve a temperature sopra lo zero quando necessario, un sistema che, oltre a Pitztal, possiede solo Zermatt.

Altre località austriache stanno prevedendo una riapertura a breve, come Dachstein, a Solden e i ghiacciai Kitzsteinhorn Kaunertal. Tignes in Francia riaprirà probabilmente il 1° ottobre, come altre località svizzere tra cui Engelberg e Glacier 3000, che hanno fissato l'apertura verso i primi di ottobre, seguiti a fine ottobre da Cervinia.

Negli Stati Uniti, Copper Mountain, che insieme a Breckenridge la scorsa settimana ha divulgato immagini di neve fresca sulle proprie cime, ha pianificato la partenza dell'innevamento programmato il 26 settembre, mentre il comprensorio sciistico di Timberline, in Oregon, prevede di riaprire il 30 settembre.

In Australia, invece la grande stagione continua, anche se le temperature sono troppo fluttuanti a causa delle condizioni meteo primaverili. Perisher ha ancora oltre 1m di neve, oltre alla spolverata di neve fresca verificatasi oggi.

Per quanto riguarda il Sud America, la maggior parte dei comprensori sciistici sono ancora aperti, con un massimo di 2 m di neve sui maggiori pendii (Catedral in Argentina).