Il Consorzio lombardo-trentino, nonostante l'assenza di precipitazioni nevose e le temperature che fino a ieri erano decisamente alte, riuscirà a far divertire sulla neve quanti vorranno approfittare delle imminenti festività per una vacanza sugli sci.

Oltre al ghiacciaio Presena, che a 3.000 metri di quota presenta un innevamento naturale sulle tre piste da sci e sull'anello di fondo da 3 km, si scia anche al Passo Tonale sulle piste Valena, Tonalina, Tre Larici (da mercoledì 7) e Valbiolo, Contrabbandieri, Tonale Occidentale e Scoiattolo per un totale di 10 piste. Quel che basta per potere iniziare la stagione invernale accontentando tutti, dagli sciatori più esperti ai bambini. Lo skipass giornaliero per tutto il ponte dell'Immacolata sarà in vendita al prezzo di pre stagione a € 30. Nel frattempo ogni sforzo è rivolto ad ampliare l'offerta sciistica: durante il ponte si è registrato un calo delle temperature e i "cannoni" hanno ripreso subito a produrre neve, dal Tonale fino a Pontedilegno e Temù.

Fino a domenica 11 dicembre anche gli impianti di Temù e di Pontedilegno saranno in funzione ma solo per i pedoni: le seggiovie Roccolo Ventura, Valbione e Corno d'Aola garantiranno ai turisti la possibilità di raggiungere i tre rifugi in quota (Roccolo Ventura a Temù, Valbione e Petit Pierre a Pontedilegno) per degustare qualche piatto tipico; sul ghiacciaio sono aperti tutti i giorni i rifugi Passo Paradiso e Capanna Presena.