Finalmente vi siete decisi. Dopo aver adocchiato centinaia di modelli di sci, durante le code agli impianti, avete deciso di buttarvi nell'acquisto del vostro primo paio. E adesso arriva il bello: come scegliere gli sci giusti per voi tra le migliaia di tipi, marche, modelli, colori e misure? Da dove si inizia?

Agli albori dello sport invernale per eccellenza, esisteva solo un tipo di sci: lunghi. Da allora i produttori hanno iniziato a produrre sci più leggeri e più attraenti dal punto di vista del design. Oggi gli sci si differenziano per lunghezza, larghezza, peso, flessibilità e sciancratura. Con sciancratura si intende la linea del "contorno" dello sci. Quelli più attuali hanno per lo più una linea a clessidra, con la punta e la coda molto più ampie rispetto al centro. Una maggiore sciancratura (data dalla differenza tra il centro dello sci e le sue punta e coda) corrisponde ad un raggio di curva più stretto.

Al di là dei marchi, gli sci rientrano tutti in una delle seguenti categorie: per principianti, all mountain, freeride, freestyle, race e powder. La scelta dovrebbe essere basata sulle vostre capacità e sui vostri gusti come sciatori. Bisogna decidere anche la lunghezza: ricordate che più uno sci è corto, più è veloce nelle curve, e meno stabile alle alte velocità. Al contrario, più uno sci è lungo, meglio tiene in velocità (ma è meno reattivo nelle curve).

Se sciate da poco tempo, la scelta migliore e più economica è un paio di sci da beginner (principiante). Sono fatti con gli stessi materiali e cura di quelli di gamma più alta, ma in genere sono più leggeri, morbidi e facili da manovrare. Hanno lunghezze limitate, quindi curvano e si fermano con facilità: quelli da donna vanno da 120 a 150 cm, quelli da uomo da 140 a 160 cm.

Frequentate le piste già da un po' di anni? Allora è probabile che siate pronti per passare ad un paio di sci all mountain. Sono progettati per sciare su piste in praticamente qualsiasi condizione. Fanno la gioia di sciatori di ogni abilità, in quanto sono facili da manovrare in curva e tengono bene sia su ghiaccio sia su piste perfette, ma anche su neve fresca. Ecco perché chi si può permettere un solo paio di sci, sceglie questi. Acquistateli di lunghezza leggermente superiore rispetto a quelli beginner.

Gli sci freeride sono pensati per qualsiasi tipo di neve, da quella appena battuta di una pista blu alla polvere della discesa nera. Normalmente sono più larghi di quelli all mountain e sono progettati per chi, nello sci, ama anche il fuoripista e le sensazioni forti.

Da quando i Winter X Games (edizione invernale degli X Games, competizione internazionale incentrata sugli sport estremi organizzata da un network televisivo americano) hanno catalizzato l'attenzione del pubblico sullo sci acrobatico (action skiing), gli sci freestyle hanno iniziato ad andare a ruba. Si tratta di sci con design speciale, non solo più leggeri e corti degli altri tipi, ma con una differenza sostanziale: le twin tips (punte gemelle). A differenza dei modelli tradizionali, che hanno punte rivolte all'insù solo nella parte anteriore, quelli freestyle hanno punte all'insù sia davanti sia dietro, in modo da permettere anche la "retromarcia". E' facile vedere questi sci negli snowpark, ai piedi di sciatori che si divertono in evoluzioni accanto agli snowboarder.

Gli sci da gara (race) sono riservati agli sciatori più esperti: pensati in modo da rispondere prontamente e curvare velocemente, non sono adatti ai deboli di cuore. Sono sci ostici, ma danno ottimi risultati se usati nelle competizioni. Di solito sono molto più costosi e difficili da trovare rispetto agli altri tipi. Attenzione alla manutenzione e alla messa a punto: vanno fatte da mani super esperte.

Gli sci powder sono un po' i "ragazzi cresciuti" delle piste. Più grossi e pesanti degli altri tipi, sono pensati per lo sci fuori pista e per galleggiare su strati altissimi di neve fresca e farinosa (similmente agli sci d'acqua). Occhio però che, sulle piste ben battute, questi sci hanno la stessa prontezza di riposta di una grossa auto degli anni 1960.

Le nuove tecnologie hanno cambiato il modo in cui si scia. Se potete, all'inizio della stagione approfittate delle giornate di "demo tour" offerte dalle case produttrici per provare qualche modello: potreste scoprire lo sci dei vostri sogni.