Chi non si rassegna a riporre per qualche mese l'attrezzatura invernale, va sciare su un ghiacciaio oppure nell'altro emisfero, ad esempio in Cile o in Nuova Zelanda. Se volete rimanere entro i confini nazionali, l'Italia offre quattro possibilità per lo sci estivo: il Plateau Rosa sopra Breuil-Cervinia (AO), il Passo dello Stelvio (SO), il ghiacciaio del Presena sopra al Passo del Tonale (TN) e la Val Senales/Schnalstal(BZ).

Il ghiacciaio del Plateau Rosa è un vasto terrazzo naturale che sovrasta Cervinia, a cavallo tra Italia e Svizzera. Qui, a quote comprese tra i 3500 e i 3900 metri, si snodano 30 chilometri di piste per ogni livello e si trova anche uno snowpark. E' possibile scegliere fra lo skipass italiano o quello transfrontaliero, che permette di utilizzare anche gli impianti svizzeri. I principianti, o chi vuole approfittare dell'estate per perfezionarsi, si rivolgono alla sede della Scuola di Sci del Cervino, posta a 3480 metri di altitudine.

Situato a 2758 metri s.l.m. fra la Valtellina e la Val Venosta, il Passo dello Stelvio è il più alto d'Italia e il secondo in Europa. In inverno rimane chiuso al traffico veicolare, mentre in estate è preso d'assalto da intrepidi ciclisti e da sciatori incalliti. Qui si scia da maggio a novembre su oltre 20 chilometri di piste ad una quota massima di 3450 metri. Oltre allo sci alpino, allo Stelvio si praticano lo snowboard, il carving, il telemark e il fondo. La stazione si distingue per le piste aperte anche nel pomeriggio, per la prestigiosa scuola di sci e per i grandi campioni che la frequentano. Bormio si trova a 20 minuti d'auto da qui, mentre Livigno è a circa un'ora.

Alle tre piste presenti sul ghiacciaio del Presena si arriva dal Passo del Tonale, situato a 1884 metri s.l.m. tra l'Alta Valle Camonica e l'Alta Valle di Sole. Una moderna cabinovia sale ai 2585 metri di quota del passo Paradiso, la porta del ghiacciaio che si estende fino ai 3069 metri di Cima Presena. L'apertura di piste e impianti è subordinata alle condizioni meteorologiche, e normalmente è molto meno prolungata rispetto a quella delle altre stazioni estive italiane. Sul Passo del Tonale (un soleggiato anfiteatro circondato dai gruppi dell'Ortles-Cevedale, dell'Adamello-Presanella e del Brenta) non si trova un paese, ma un agglomerato di strutture ricettive e un Sacrario della Prima Guerra Mondiale, combattuta anche su questi monti. Ponte di Legno, il principale centro turistico della Valle Camonica, dista 10 chilometri da qui.

Al termine della Val Senales, una valle laterale della Val Venosta/Vinschgau, si trova un ghiacciaio (3200 metri s.l.m.), che in estate offre otto chilometri di piste da discesa, diversi chilometri per il fondo e un grande snowpark. Le ampie piste Grawand e Gletschersee sono particolarmente adatte al carving. Gli impianti di risalita - una funivia e tre fra skilift e seggiovie - partono dall'ultimo paese della valle, Maso Corto/Kurzras, villaggio sportivo nato negli anni 1970 e situato a 2011 metri di quota. La città di Merano, con il bel centro storico ricco di negozi, il nuovissimo complesso termale e i giardini botanici dista una quarantina di chilometri da Maso Corto.

 Ulteriori informazioni su Plateau Rosa, Stelvio, PresenaVal Senales.