Mi è stato chiesto dal grande capo di scrivere un pezzo su [R224R, Madonna di Campiglio], allora abbiamo deciso che sarebbe stato meglio partire con voi per una mini vacanza di tre giorni, e scoprire piste e off piste dell'elegante cittadella adagiata a 1553 metri tra le Dolomiti di Brenta - Patrimonio UNESCO - e i ghiacciai dell'Adamello Presanella, regina incontrastata della neve e dell'inverno.

PRIMA GIORNATA

Sci ai piedi, bollicine e poi cena al rifugio

Ho avuto la fortuna di essere arrivata a Madonna di Campiglio ieri sera, quindi stamattina dopo un'ottima colazione sono già pronta per scendere sulle piste. Oggi ho utilizzato l'impianto Tulot (attivo dal dicembre 2010), e che serve una nuova pista, la Tulot, che, inserendosi nella rete delle piste attuali, compone il tracciato DoloMitica, che dal Doss del Sabion (2100 metri) scende a valle (800 metri), seguendo due varianti: la Star, impegnativa, all'altezza delle più belle piste dell'intero arco alpino, lunga 3,5 chilometri con pendenza media del 36% e la Tour, lunga 5,5 chilometri con pendenza media del 22%, abbordabile e per tutti, affascinante per la lunghezza e la variabilità del tracciato.

La nuova Skiarea Madonna di Campiglio Val Rendena Val di Sole, è un progetto grandioso destinato ad aprire un nuovo capitolo nella storia di questo arco alpino. La nuova skiarea: realizzata grazie alla sinergia tra soggetti istituzionali e realtà pubbliche del territorio - un sistema di mobilità alternativa per lo sciatore che collega tra di loro le frequentatissime località. Dal Doss del Sabion di Pinzolo al Grostè di Campiglio, fino a Folgarida Marilleva: un continuum di 150 km di piste, tra cui - da provare - la famosa pista 3-Tre (3 gare del Trentino), nella quale vengono disputate gare di slalom speciale della Coppa del Mond di sci alpino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pista 3 illuminata. Foto: Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena Tourist Board

Per rilassarmi con gli amici ho scelto di fermarmi per il ‘dopo sci' al Ferrari Lounge Nabucco, uno dei locali più alla moda della località, in Piazza Righi, parte di questo nuovo trend chiamato 'Spazi bollicine', un aperitivo dall'atmosfera raffinata e dallo spirito alpino ...  e poi ci siamo spostati a cena al Bar Ristorante Boch a 2085 metri, rifucio con servizio gatto delle nevi. Io poi sono andata a dormire, ma per quelli di voi più energetici ampia la scelta di discoteche per abbracciare la notte.

Anche stanotte ho pernottato all'Hotel Maribel, hotel in stile alpino di nuova costuzione in bioarchitettura a 100 metri dalle piste di discesa e di fondo. Vi ricordo che l'ospitalità a Madonna di Campiglio è eccellente. Potete scegliere tra Hotel, Garnì, Agriturismo, Baite e Chalet... per tutti i gusti, esigenze e ovviamente per tutte le tasche e per tutte le età. Cliccate qui per prenotare qualcosa che fa al caso vostro.

SECONDA GIORNATA

Giornata cocooning tra sauna, spa, ciaspole e shopping locale

Stamattina ho preferito regalarmi qualche momento per me e andare all'aria aperta un pochino più tardi. Avevo già provato la spa dell'albergo dove soggiorno e mi ero coccolata tra piscina e bagno turco gia' dalla prima sera.. ma ora, che sono nella parte più attiva della mia mini vacanza, ho voluto anche  visitare le Terme di S. Antonio di Caderzone Terme, famosa per l'acqua oligominerale che sgorga a 1000 metri di altitudine. Qui l'imbarazzo della scelta: saune, ancora bagno turco, piscine termali, cromoterapia, grotta di sale, idromassaggi e doccia tropicale. Ho utilizzato tutta la struttura abbondantemente fino a che non mi sono regalata un massaggio. Oggi è una giornata più meditativa che agonistica, e ho deciso di dedicami ad una tranquilla escursione con le ciaspole nell'intimo incanto della Val Rendena.

E non ci credo .. sono rilassatissima e mi avanza anche del tempo libero per fare qualche acquisto locale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Centro Paese, Madonna di Campiglio. Foto: Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena Tourist Board

Infatti non posso ripartire dal Trentino senza salumi e insaccati di qualità lavorati dagli artigiani salumai con le tecniche tramandata per secoli dai padri di cui la Val Rendena è sinonimo. Allora nella borsa trovateil famoso salame e la salamella all'aglio, lardo aromatizzato e la pancetta locale (anche questa agliata). Ho tralasciato i cotechini, dopo l'abbuffata natalizia, non mi sembrava il caso ma sono riuscita a trovare, la Spressa DOP, uno dei più antichi formaggi della montagna trentina, prodotto con il latte proveniente esclusivamente da esemplari della famosissima razza Rendena e il Radic de l'ors, un radicchio selvatico dal sapore amarognolo conservato in agrodolce e che cresce a quota 2000 metri ai bordi delle nevi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formaggi locali. Foto: Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena Tourist Board photographic library

Mentre mi dilettavo con le cibarie, qualcuno pensava a rifocillare la nostra cantinetta a casa. Nel cofano della macchina ho visto entrare le seguenti bottiglie: una di Teroldego, una di Marzemino, una di Müller Thurgau, e una di Traminer. Mi è stato confessato che è stata ardua la scelta tra la ricca offerta di vini trentini. Immagino!! E poi, anche se a noi le grappe piacciono poco, se vi capita provate (e acquistate) grappe con i gusti caratteristici delle vette: dal mugo all'ortica, dal ginepro all'asperula fino al distillato di genziana prodotto unicamente in Valle.

Alla sera sono scesa al Carisolo, vicino a Pinzolo, per percorrere i due dei cinque chilometri di tracciato (sono 22 in tutto) pe lo sci di Fondo illuminati. E poi cena nella stube Maso Maribel, dall'accogliente calore e cucina tipica trentina.

Il menu mi ha dato alla testa ancora prima di sorseggiare del vino: polenta e capriolo, polenta e crauti, cervo, camoscio, canederli, orzetto, bro brusà, strangolapreti, capuc', patugol. E fra i dolci della Val Rendena torta di pane, torta di erbe, torta e strudel di mele e poi la torta di fregolotti.

TERZA GIORNATA

Non mancano le risate in snowboard prima di ripartire

Non potevo partire senza provare l'Ursus Snowpark al Grostè, famosissimo in tutta Europa, e il nuovo Ursus Mini park in zona Pradalago e vedere cosa riesco a fare con la tavola ai piedi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ursus Snowpark. Foto: Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena Tourist Board

Non sono una vera appassionata di snowboard ma arrivata fino a qui, non potevo tralasciare quest'esperienza. Non è andata poi tanto male, esclamavo a pranzo all'Osteria al Vecchio Sarca, appartenente al Club di prodotto 'Osteria Tipica Trentina' con prodotti rigorosamente locali. Sono veramente contenta del mio lungo fine settimana sulla neve, considerato che sono venuta qui con marito e figlio (giovanissimo). Baby si è divertito moltissimo al parco giochi Pratomatto di Prà Rodont (ideale per bambini dai quattro ai 12 anni) dove si è sbizzarrito tra giochi sulla neve, scivoli e castelli in compagnia della simpatica mascotte Rendy Nota a favore: il personale specializzato de La tana di Rendy, il miniclub in quota di Pinzolo mi ha aiutanto tantissimo e mi ha regalato molte ore libere. E un grazie a mio marito che desiderava tanto una vacanza invernale in un mare esotico ... 

Qualche appunto sparso
Il comprensorio Madonna di Campiglio, Pinzolo, Val Rendena, conta un circuito sciistico di 90 km di piste - 60 a MdC che diventano 120 grazie al collegamento con Folgarida Marilleva e 30 a Pinzolo - servito da una moderna rete di impianti di risalita che dai paesi conducono alla vista mozzafiato sulle Dolomiti di Brenta e i ghiacciai dell'Adamello e della Presanella. Per maggiori informazioni sulla skiarea, prezzi di ski pass e altri dettagli di viaggio si prega di visitare il sito ufficiale dell'ApT - Azienda di Promozione Turistica. Se partite anche voi con prole, considerato che l'Alta Val Rendena è il primo Distretto Famiglia del Trentino, provate uno degli alberghi per bambini a questo link. Oppure provate l'Agritur dai Camor a Giustino una fattoria didattica.

E qualche prezzo sugli skipass
- Skipass giornaliero promozionale per Adulto e Senior a 20 Euro;
- Skipass giornaliero promozionale per Junior (nati dopo il 30.11.1995) a 19 Euro;
- Skipass giornaliero promozionale per Bambino (nati dopo il 30.11.2003) a 14 Euro.